Percorsi e progetti di prevenzione nelle realtà educative territoriali

progetti di prevenzione

Cosa si intende con il termine “progettazione educativa”? A chi si rivolge e dove può essere realizzata?

La progettazione è un processo logico, intellettuale e di azione che tende al conseguimento di obiettivi specifici di miglioramento e di cambiamento della situazione data in una situazione desiderata.

Essa si basa sulla necessità di risolvere un problema, di rispondere ad un bisogno specifico, di individui, gruppi, organizzazioni, comunità.

Il progetto deve, infatti, essere realizzato ad hoc, per rispondere nel modo più completo ed efficace possibile a quel problema e a quel bisogno.

La progettazione educativa si pone l’obiettivo di prefigurare “vestiti su misura”, adeguati ai bisogni di ciascun destinatario della sua azione: una persona singola, un gruppo di persone, una scuola, una comunità.

Dunque, è fondamentale che gli interventi siano realizzati in rapporto ai bisogni, alle domande e alle esigenze specifiche, con un alto livello di competenza e flessibilità.

Segue una precisa sequenza di eventi attraverso i quali il progetto stesso si muove e si evolve, che rappresenta e costituisce il suo ciclo di vita.

Le “tappe” di un progetto sono le seguenti.

La prima tappa corrisponde all’ideazione, momento in cui una o più persone ipotizzano di realizzare un progetto, di fare o proporre qualcosa;

La seconda tappa corrisponde all’attivazione, in quanto una volta avviata una propria ipotesi bisogna cercare di verificare quali sono le risorse disponibili, identificare il problema e le strategie d’intervento;

La terza tappa è la progettazione vera e propria, che consiste nell’elaborazione concreta del progetto, nell’identificazione e nella programmazione delle fasi d’intervento;

La quarta tappa corrisponde alla realizzazione dell’intervento: attraverso l’avvio delle prime attività si verificano le proprie ipotesi, si attuano gli interventi e i cambiamenti necessari per sostenere il progetto, si sviluppano processi di confronto e verifica in itinere per produrre gli aggiustamenti necessari;

La quinta tappa è la verifica o valutazione conclusiva che consiste nella riformulazione, ridefinizione o conclusione del progetto stesso.

La verifica è posta come ultima tappa, anche se i processi di monitoraggio e valutazione, più o meno formalizzati, si attivano lungo tutto il percorso e in ogni tappa.

Nello specifico, ci occupiamo di ideare e realizzare percorsi e progetti di prevenzione: 

  • Della devianza e del disagio sociale;
  • Delle dipendenze giovanili e dei comportamenti a rischio:
  • Delle emergenze educative causate dall’utilizzo delle nuove tecnologie, quali il bullismo e il cyber bullismo.

I nostri progetti sono rivolti a varie realtà territoriali, con lo scopo di rispondere a bisogni ed esigenze specifiche e ottenere un cambiamento tangibile, quali:

  • Scuole di tutti i gradi di istruzione;
  • Enti Pubblici;
  • IPM;
  • Comunità.

Contattaci per maggiori informazioni.

× Contattaci!