La gestione della paura del Coronavirus nel bambino: consigli e strategie

gestione della paura

Durante una situazione di emergenza sanitaria come questa, i genitori hanno un ruolo fondamentale nella gestione della paura del Coronavirus nei bambini.

Infatti, il loro ruolo è molto importante perché fungono da esempio per i più piccoli.

Fronteggiare e gestire le proprie paure significa fronteggiare e gestire anche le paure dei propri figli.

Nell’articolo precedente abbiamo visto come poter fronteggiare la paura e l’ansia del genitore.

Oggi cerchiamo, insieme alla Dott.ssa Martina Russo, Psicologa, di porre il focus sui bambini e i ragazzi che si trovano a vivere una situazione nuova in un periodo delicato della loro crescita.

Spiegate ai bambini cosa sta succedendo

La routine dei bambini è stata fortemente modificata e limitata.

La scuola chiusa, le attività sportive interrotte, la quotidianità all’interno dell’ambiente domestico, i genitori a casa, l’influenza dei mass media allarmistici e l’argomento spesso più trattato all’interno della famiglia.

Tutto ciò alimenta nei bambini e nei ragazzi un senso di confusione, impotenza e spesso domande a cui nessuno dà delle risposte.

Spiegate sempre a bambini, in base alla loro età, cosa succede nel mondo.

Come?

Attraverso favole, racconti, che abbiano, ad esempio, come protagonista un piccolissimo mostro cattivo ed invisibile ma che infine è sconfitto e ci sia dunque un lieto fine.

Sono molte le favole che si possono inventare al fine di rassicurare il proprio figlio su ciò che sta accadendo: via libera alla vostra fantasia 😉

Anche attraverso il gioco simbolico, il disegno o le costruzioni è possibile spiegare ai più piccoli ciò che sta accadendo, standogli vicino.

Fornite adeguate risposte alle loro domande

Per i ragazzi dai 9 anni in su è importante che ci si relazioni a loro in maniera meno infantile e più matura.

Qui è ancora più importante che sia il genitore per primo a gestire la sua paura ed essere un modello di risposta per il figlio.

Dunque, fornire adeguate risposte alle domande poste dal minore è importante in quanto non si alimenta la fantasia del ragazzo, spesso peggiore della realtà.

Descrivere la situazione in termini semplici e lontani dall’allarmismo dei media è essenziale quanto usare un tono accogliente e pacato che possa far sentire il figlio al sicuro e protetto.

Prestate sempre attenzione ai loro comportamenti

Un eccessivo silenzio o comportamenti lontani dalla sua personalità che possono segnalare disagio e una difficoltà di espressione e di gestione della paura.

State accanto ai vostri figli cercando di accogliere la loro paura e proporgli attività di loro interesse.

Questo, infatti, è un forte segnale di vicinanza che distoglie l’attenzione costante all’emergenza e, allo stesso tempo, fa sì che il ragazzo si senta compreso e accolto.

E’ importante non banalizzare e non minimizzare mai la paura espressa in merito dai bambini.

I bambini, in questo caso, potrebbero non esprimerla più in quanto non si sono sentiti accolti e ascoltati, imparando ad internalizzare emozioni che possono comportare reazioni psicologiche inadeguate per far fronte a successivi problemi.

Accogliere l’emozione, infatti, significa ascoltare i propri figli, rassicurandoli e comprendendo il loro vissuto.

Condividete con i vostri bambini attività ludiche e ricreative per “allontanarsi” dall’argomento sempre più presente è un modo di manifestare vicinanza e attenzione.

Non esitate a contattarci per altri consigli in merito alla gestione della paura nei vostri bambini, noi ci siamo e vi siamo accanto 😉

Potrebbe interessarti...

Lascia un commento

×