Per una convivenza in famiglia: routine, tempi e attività

convivenza in famiglia

La repentina diffusione dei contagi da Corona virus porta con sé l’obbligo di rimanere in casa e di “rimanere in famiglia“.

Ciò comporta, per tutti noi, la necessità di rivedere e ripensare la convivenza in famiglia 😉

Una riscoperta convivenza in famiglia

L’emergenza sanitaria in cui ci troviamo, infatti, ha catapultato le famiglie in una condizione insolita e straordinaria, mai vista prima.

Ciò ha modificato le routine famigliari, scolastiche e lavorative.

I bambini sono a casa da scuola, non possono praticare sport, le attività del tempo libero o vedere gli amici.

I genitori, ove possibile, lavorano da casa in modalità smart o da remoto.

Per questo motivo, la convivenza in famiglia e il tempo da trascorrere insieme è notevolmente aumentato.

Questa situazione imprevista, infatti, ha sollevato in tantissimi genitori domande, dubbi e incertezze rispetto al loro determinante ruolo per il benessere e la sicurezza dei loro bambini.

Come affrontare tutto ciò e gestire questo cambiamento?

Come organizzare al meglio la giornata in casa?

L’importanza della routine

Creare e instaurare delle routine con i bambini è molto importante e lo è, soprattutto, in questo momento dove le abitudini quotidiani sono cambiate in modo molto veloce.

Una routine altro non è che una sequenza di attività che si ripete nel tempo, in modo prevedibile.

Essa, in questo senso, è rassicurante e riduce moltissimo l’ansia del non sapere che cosa accadrà.

Proprio perché è prevedibile e organizzata ci permette di affrontare il cambiamento o gli eventi stressanti; questo vale anche per i bambini.

La routine rende l’ambiente comprensibile al bambino, così è in grado di interiorizzare ciò che viene prima e ciò che viene dopo.

Mantenete una routine quotidiana

Gli orari e le attività vanno riprogrammati e ridefiniti e sarà necessario definire una nuova routine famigliare, incastrando tutte le attività e i compiti di ogni membro della famiglia.

Cercate di rispettare comunque gli orari e le vostre principali abitudini, cercando di mantenere una certa regolarità, in modo da non perdere il ritmo quotidiano.

Cercate, quindi, di rispettare l’orario della sveglia mattutina, possibilmente sempre allo stesso orario, e dei pasti.

Inoltre, ricordate di coinvolgere i vostri figli nella programmazione delle attività della giornata: chiedete anche a loro come pianificare le varie attività e ascoltateli, si sentiranno partecipi e responsabili.

Sentendosi partecipi saranno anche più propensi a rispettare volentieri 😉

Fate anche insieme a loro un bel cartellone con raffigurate le cose da fare durante la giornata e i tempi da rispettare.

In questo senso, le regole hanno un ruolo fondamentale: vi consiglio questo nostro articolo propri su questo argomento che potrà esservi utile.

Dedicate tempo al gioco

Senza la scuola, le attività sportive e i momenti di socialità le giornate per i vostri bimbi sembreranno interminabili.

Hanno i compiti da svolgere, certamente, ma hanno anche tanto tempo libero.

Come riempirlo al meglio? 😉

E’ importante trovare nuovi modi di far trascorrere loro il tempo libero, con attività ludiche e ricreative per fare in modo che la loro mente sia sempre allenata.

Giochi creativi, dunque, di costruzione o manipolazione.

Provate ad utilizzare materiali naturali o da riciclo per le costruzioni, lasciate spazio alla loro fantasia 😉

Per la manipolazione o i travasi, invece, potete utilizzare vari materiali: farina, riso, pasta, cioccolato in polvere.

Un’attività che vi consiglio di fare in queste giornate a casa è proprio cucinare insieme ai vostri bimbi.

Potete fare l’impasto per i biscotti, o per una torta, le polpette o anche la pizza.

Non dimenticate l’attività motoria

Stando in casa tutto il giorno è molto importante non dimenticare di svolgere un po’ di attività fisica e motoria.

Esistono, però, delle attività ludico-motorie che possono essere organizzate anche in un appartamento 😉

Queste attività mettono in azione tutta la muscolatura del bambino, allenano l’equilibrio e la coordinazione, ma soprattutto vincono la noia e sviluppano la fantasia.

Ogni attività avviene in uno scenario virtuale, che sarà tanto più “veritiero” quanto più sarà descritto con enfasi e dettagli avvincenti da parte del genitore che dirige il gioco.

Ecco alcuni esempi!

Becca la parola

Posizionatevi di fronte a vostro figlio, che dovrà stare con i piedi uniti e le braccia lungo il corpo.

Voi parlate, raccontate una favola o descrivete un oggetto, e ogni volta che pronunciate una certa parola (ad esempio”poi”) il vostro bimbo deve saltareallargare le gambe e alzare le braccia sopra la testa battendo le mani.

Quando si fa un punto farà un passo avanti verso di voi. Il gioco finisce quando vi raggiunge.

“Gli animali della foresta”

Scegliete un percorso, ad esempio dall’inizio del corridoio alla porta della sala da pranzo, poi chiedete al bambino di scegliere una carta coperta (fra alcune che avrete già disegnato insieme).
Sulla carta ci sarà un animale e il bambino dovrà camminare per tutto il percorso come quell’animale:

– Pinguino: camminare con le mani aderenti al corpo, le gambe unite e senza piegare le ginocchia.
– Cavallo: camminare a 4 gambe poggiando solo mani e piedi.
– Serpente: strisciare aiutandosi solo con i gomiti.
– Coniglio: saltellare a piedi uniti senza poggiare le mani
– Papera: camminare stando piegati sulle ginocchia e con le mani sotto le ascelle.
– Gru (per i più grandi): saltellare su un solo piede.

“Lo specchio”

Posizionatevi di fronte al vostro bambino, poi assumete una posizione, che il bambino dovrà “ripetere” la vostra azione come se voi foste uno specchio.

Ad esempio voi alzate il braccio destro il bambino alzerà il sinistro.

Ci si alterna nei turni: prima lo specchio è il bambino, poi lo specchio sarete voi.

Un buon esercizio di coordinazione 😉

In questo particolare momento quello che potete fare è proprio riscoprire la convivenza in famiglia, credetemi, sarà bellissimo!

Potrebbe interessarti...

Lascia un commento

×